mercoledì 14 settembre 2016

CON UN PIEDE QUA E UNO LA’.


Un po’ come Settembre. Che saluta l’estate guardando già in direzione opposta.
Il sole e il caldo di questi giorni. Così intensi da sembrare agosto. La consapevolezza che non durerà. Che l’autunno è già nascosto dietro l’angolo, è solo questione di attimi.



Un po’ come me. Che se sono qua vorrei essere là. E quando sono là ho un po’ nostalgia di qua.
La fatica di riporre la valigia nell’armadio. Soprattutto in quei giorni in cui riuscirei a chiudere tutti i sogni in un trolley. Comodamente.
La fatica di credere che i nostri occhi non meritino nuovi scenari. E che forse lo scenario migliore sarei io. Diversa, ma in fondo sempre la stessa.

Un po’ come mangiare gelato dopo cena. Pregustando il profumo di zucca cotta al forno.
Vedere le foglie che ingialliscono giorno dopo giorno mentre il termometro supera ancora i 30 gradi.

Un po’ come avere i piedi incrociati sotto a un tavolo. E la mente a migliaia di Km di distanza.
Che il presente è qua. E forse sbaglio. Ma la curiosità è troppa. E muove il mondo. E sicuramente la mia testa.

Vi auguro un inizio coinvolgente. Che Settembre è una specie di Capodanno. Senza trenini e senza spumante.
Si va!

Alice








Nessun commento:

Posta un commento